Incontro fortunato

                      Una delle tante fortunate coincidenze della mia vita, fu incontrare le poesie

                      e le canzoni scritte da J. Prevert, intorno ai 14 anni, insieme a tanti altri autori
                      francesi, che oltre a rinforzare il mio giovanile amore per Parigi, per la bella scrittura,
                      per la bella pittura, le belle canzoni, mi furono di aiuto nella mia formazione di donna.
                      Banale potrà sembrarvi ma questa poesia si pietrifico nella mia mente, ed ogni
                      volta che ricevevo fiori, guardavo con sospetto il donatore.
                      Per evitare spiegazioni molto complicate, inventai, che non amavo i fiori recisi
                      perchè avevano già iniziato a morire.
                      Qualcuno per farmi cosa gradita mi regalò una pianta fiorita,  gradita ovviamente,
                       gradendo il donatore.
                       Però quando la usai come arma tirandogliela, non dimentico il suo sorriso, con il
                       quale accompagnò il Mancato!
                       Decisi che fiori e piante sarebbero state per sempre di mia esclusiva competenza,
                       e che non avrei più fatto il tirasegno con oggetti troppo pesanti.

Nessun commento:

love femminismo

love femminismo
email: donnevogabonde@gmail.com