W. W. W. I LIBRI


 Alcuni giorni fa, nella microcasa di Roma, la mia dolce metà
ha urtato la mia suscettibilità, facendomi notare, che compro troppi libri,
rispetto al tempo che posso dedicare alla lettura.E’ vero, sono stata caoticamente invasiva,  la  lontananza dalla mia rudilia ( da rudere ) voleva una  compensazione, ed i libri sono il massimo.  Però, che significa, pensare che si debbano comprare  i libri che si leggono, non sono mica un prodotto, con scadenza.  
Ho bisogno di avere sempre una scorta di libri, per  sentirmi bene, 
 anche perché non leggo un libro semplicemente perché l ‘ho comprato. Scelgo secondo......
 l’interesse, il mio stato d’animo, il tempo per sedimentarne le parole. Ci sono autori che chiedono molto tempo, per lasciare spazio ad altre parole, e allora bisogna poter scegliere il libro giusto per quel momento. Poi ho sempre rivendicato il diritto di leggere in più tempi alcuni autori, finito un capitolo, possono passare mesi prima che senta la necessità di riprenderlo Un libro ha una vita, e non può trasformarsi in un prodotto di consumo,  in una merce, come ormai fanno troppi editori, editandone  troppi.
 Un libro è l’emozione da sfogliare,  cercando di conoscerlo pescando tra la sue pagine, parole sentimenti che possono coinvolgerti,  un libro è fare un viaggio, nel cuore, nella mente, nell’anima, non è una cosa è una emozione. 
 Comunque forte di una convivenza pluridecennale, che mi ha insegnato a non rispondere alle provocazioni, soprattutto quando sono già armati e pronti alla guerra,ho guardato teneramente la mia metà, e ho formulato la fatidica domanda, sei forse pentito del patto ? Patto scaturito dopo l’ennesima multa  presa, dal mio indisciplinato compagno, ristrutturatore onorario, delle finanze comunali, che lo vincola dopo ogni multa, a farmi usare l’equivalente da spendere il libreria, con mia grande gioia.                                                                               Ho deciso comunque con ponderatezza gioiosa di diventare un pochino più ordinata, nella micro casa  ma di continuare a fare quello che reputo meglio per me, con la grazia che mi distingue acquisita con il vissuto condiviso, ho ignorato una osservazione fondamentalmente molto,moltisissimo  banale……… 
                                                                                                                             angeladea

Nessun commento:

love femminismo

love femminismo
email: donnevogabonde@gmail.com