SENTENZA DELLA VERGOGNA


  La sentenza delle Corte Costituzionale, ha guardato alla stesura della legge, ma non al reato.
Esiste, un reato grave come la violenza di gruppo? E nelle vittime di questo reato quali e quante
le conseguenze.
E proprio perchè il reato al gruppo una complicità visiva fisica e morale,dovrebbe imporre il carcere,
non solo per punizione,ma per tutela nei confronti di altre donne, essendosi dimostrato nel tempo,
reato seriale, che può essere ripetuto, individualmente, poichè non è il gruppo che instaura il desiderio
di violenza, il gruppo protegge aiuta ad effettuare la violenza, ma ognuno dei partecipanti è un con-
sapevole violentatore.
Per assurdo, nel caso di un'omicidio, può esserci la casualità che prevalicando la volontà dei soggetti
protagonisti, trasforma un diverbio violento in omicidio, questo non avviene mai nel caso di stupro.
La volontà è chiara,il reato che si compie vuole essere quello, niente influisce, se non la volontà delin
quenziale nel fare quello che si stà facendo.
Parlamentari donne
incapaci parimenti ai vostri colleghi uomini,nel leggiferare,nel
farvi carico dei drammi che troppe donne sono costrette a vivere,
ora.... colpite l'attenzione del popolo delle donne per il vostro vergognoso silenzio.
Alle donne, domando, non dimenticate..........
questa classe politica nonostante il ricambio generazionale, i volti
nuovi,è un sottoprodotto della cultura dell'indifferenza, dell'egoismo,   dell'ignoranza, votata esclusivamente a garantirsi
la continuazione di un sistema,che ha impoverito economicamente
e moralmente questo povero paese.                   angeladeapiccioni

Nessun commento:

love femminismo

love femminismo
email: donnevogabonde@gmail.com